Rivoluzione nel calciomercato Inter: si avvicinano tre obiettivi

Mauricio Isla, Radja Nainggolan, Juan Camilo Zuniga, Aleksander Kolarov: sono questi i tre nomi che hanno tenuto acceso il calciomercato nerazzurro in queste prime settimane. Per Isla e Nainggolan, addirittura, la notizia del passaggio all’Inter era stata data dalle stesse parti per imminente, o quasi definita. Quando Luglio volge al termine, invece, sono ben altri i nomi che sembrano ad un passo dal trasferimento a Milano: stiamo parlando dell’esterno brasiliano del Chelsea Wallace, del centrocampista sloveno Saphir Taider e dell’esterno giallorosso Marquinho.

Wallace Olivera Do Santos
, per tutti Wallace, è un esterno polivalente classe 1994, approdato in inverno al Chelsea dal Fluminense per 9 milioni di euro, non tesserabile dai Blues perchè extracomunitario e privo del permesso di lavoro. Anche con la collaborazione di Josè Mourinho, nuovo allenatore della squadra inglese, per Wallace potrebbero spalancarsi le porte dell’arrivo all’Inter in prestito o in prestito con diritto di riscatto della comproprietà. Sarebbe un affare davvero interessante, che potrebbe conciliarsi con la permanenza di Isla a Torino e con quella di Zuniga a Napoli.

Saphir Taider, invece, è il nome nuovo per il centrocampo interista : l’arrivo a Milano è frenato non da ragioni tecniche ma dalle eccessive pretese del Bologna, che chiede 20 milioni di euro (e che verosimilmente non ha intenzione di scendere sotto i 15 milioni – cifra al momento sproporzionata ed immeritata). Se le due squadre non dovessero accordarsi e se l’Inter non tornasse alla carica per Radja Nainggolan, i nerazzurri chiuderebbero per Wellington del San Paolo, giocatore di quantità diverso da Taider, ma dal basso valore di cartellino (5 milioni di euro).

In questi giorni, inoltre potrebbe esserci un incontro tra l’Inter e la Roma per Marquinho, giocatore in grado di ricoprire la fascia sinistra o di giocare interno di centrocampo, attualmente in esubero nei piani del club giallorosso. L’agente nega contatti ma non nega che l’Inter sarebbe una soluzione gradita.

I commenti sono chiusi.