Pagelle Dnipro – Inter, Hernanes da ritrovare

Ecco le Pagelle di Dnipro – Inter:

HANDANOVIC: 6 – La buona partita giocata dalla difesa non fa correre rischi al portierone nerazzurro. Praticamente non impegnato questa sera.

JUAN: 6,5 – Solidità e sicurezza, si concede anche qualche galoppata in avanti. Le voci sul suo rinnovo non fanno che piacere.

VIDIC: 7 – Sembrava una scommessa a inizio anno, un calciatore che forse non aveva più nulla da dare, ma non è affatto cosi. Forse è il difensore migliore dell’intera serie A.

CAMPAGNARO: 6 – Soffre qualche iniziativa dei giocatori avversari ma per essere un separato in casa come si dice e per essere la prima partita in nerazzurro davvero niente male.

DODO’: 6 – Si riprende nella ripresa dopo un primo tempo non brillante.

M’VILA: 6 – Qualche pallone sbagliato di troppo ma grande quantità per il francese. La sensazione è che il giovane ex Rubin Kazan difficilmente scalzerà Medel dal centrocampo nerazzurro

KUZMANOVIC: 6 – Uno dei più propositivo nel primo tempo. Non che fosse difficile vista la scarsezza di occasioni, ma Kuz ci prova con qualche tiro dalla distanza.

OSVALDO (st): 6 – Entra e subito l’Inter si ritrova in superiorità numerica. Cerca di suonare la carica nonostante il poco tempo a disposizione.

D’AMBROSIO: 7 – Oltre al goal anche un’altra occasione pericolosa, con un tiro parato dal portiere ( e tap in mancato da Guarin ) e tante buone palle giocate. Uomo partita.

HERNANES: 5.5 – Decisamente col freno a mano tirato. Da lui ci si aspetta di più.

JONATHAN (st): sv

GUARIN: 5,5 – L’impressione è che questo suo ruolo da mezza punta non gli calzi a pennello. E’ un po’ spaesato e non incide come dovrebbe. Ha colpi che potrebbero risolvere la partita, ma tatticamente è ancora alla ricerca di un posto in questa Inter.

ICARDI: 5 – Praticamente zero palloni arrivati al bomber nerazzurro. L’unico decente che gli arriva, è bloccato dall’arbitro che fischia un fuorigioco inesistente. La cosa bella di Icardi è che nonostante la prova incolore, avrebbe potuto insaccare quell’unico pallone arrivatogli.

Precedente EL - Ecco il gol che ha deciso Dnipro - Inter Successivo Le parole di D'Ambrosio dopo il gol a Kiev

I commenti sono chiusi.