L’Inter inizia con uno scialbo 0-0 contro il Toro

L’Inter non va oltre lo 0-0 nella sua prima partita di campionato. Sul campo del Torino i nerazzurri non riescono a pungere a dovere e devono ringraziare Handanovic che ha parato un calcio di rigore tirato da Larrondo. Nerazzurri meglio nella ripresa con l’ingresso di Osvaldo. In ombra Kovacic e M’Vila mentre hanno offerto una buona prova Medel e Hernanes. Nel finale espulso Vidic per aver applaudito l’arbitro Doveri che nel primo tempo si era inventato il penalty per i granata. Per Mazzarri e il suo staff c’è ancora molto da lavorare ma la squadra é apparsa migliore con due punte. La priorità é il recupero di Palacio e l’acquisto di un’altra pedina per l’attacco.

Primo Tempo: Inter subito pericolosa con M’Vila che dal limite dell’area granata tenta di piazzare il colpo di piatto ma la palla esce fuori di poco. Il Toro cerca di impostare l’azione con fraseggi stretti tra i centrali ma i difensori interisti riesccono sempre a chiudere. Partita senza grosse emozioni sino al 19′ quando Doveri fischia un rigore dubbio (dalle immagini parso del tutto inesistente) in favore del Torino. Da dischetto va Larrondo che si fa ipnotizzare da Handanovic. Porta nerazzurra salva ma il Toro continua a chiudersi davanti alla propria difesa impendendo ai nerazzurri di rendersi pericolosi. L’Inter colleziona numerosi calci d’angolo ma gli uomini di Mazzarri non riescono a sfruttare le opportunità da palla ferma. L’Inter soffre sui lati e il Torino cerca di approfittarne al 30′ ma Nocerino non riesce a sfruttare un buon servizio di Quagliarella. I nerazzurri ci provano qualche minuto dopo con Dodò che mette in mezzo all’area granata un cross che Medel non riesce a ribadire in porta. Il Torino da vita ad un vero e proprio fortino che l’Inter non riesce a sfondare e i nerazzurri faticano a creare seri grattacapi al portiere di casa.  Medel si conferma un vero “Pitbull” in mezzo al campo e al 38’rischia l’ammonizione per un brutto fallo su Quagliarella. Il primo cartellino giallo del match arriva invece al 41′ per Nocerino che stende malamente Dodò. L’Inter prova ad attaccare maggiormente dalla sinistra e al 42′ Dodò mette in mezzo un cross che Icardi non riesce a deviare in porta. Non va meglio a Ranocchia che due minuti dopo impatta di testa una palla calciata da Jonathan dal corner mandandola alta sopra la traversa. Il primo tempo si chiude quindi sullo 0-0. Pochissime le emozioni, eccezion fatta per il calcio di rigore parato da Handanovic.

Secondo Tempo: Mazzarri non effettua cambi ad inizio ripresa ma Osvaldo inizia il riscaldamento a bordo campo. La prima azione della ripresa é del Torino ma Larrondo non riesce a sfruttare un buon suggerimento di Darmian. Al 49′ l?inter potrebbe far male al Toro in contropiede ma Icardi, lanciato meravigliosamente da Hernanes, controlla male la palla che l’avrebbe messo da solo davanti a Padelli. La partita di fa più viva col passare dei minuti e Larrondo, pescato in area da Quagliarella, tenta di impensierire Handanovic che non si fa sorprendere. Poco dopo i due attacanti granata si invertono e Quagliarella va vicinissimo al gol scheggiando il palo con un tiro dal centro dell’area. Poco dopo Ventura effettua il primo cambio del match inserendo Sanchez Mino al posto di El Khadduri. Mazzarri risponde inserendo Osvaldo al posto di M’Vila. L’italo-argentino é subito pericoloso e di testa manda fuori di poco un cross del solito Dodò. L’Inter con le due punte é molto più pericolosa e l’occasione migliore capita sui piedi dello stesso Osvaldo che imbeccato da Hernanes non riesce a superare Padelli in uscita. Anche il Torino prova a far male e ci va molto vicino in due occasioni ma i cross messi in mezzo da Molinaro non vengono sfruttati a dovere da Larrondo e Quagliarella. Mazzari cambia gli esterni e inserisce D’Amborsio e Nagatomo al posto di Dodò e Jonathan ma non ci sono altre grandi occasioni sino al triplice fischio. L’unico sussulto é dovuto al pessimo arbitro Doveri che nel finale,  dopo aver regalato un rigore al Torino nel primo tempo, espelle Vidic reo di averlo applaudito.

 

INTER: 1 Handanovic; 23 Ranocchia, 15 Vidic, 5 Juan Jesus; 2 Jonathan, 90 M’Vila, 18 Medel, 22 Dodò; 88 Hernanes, 10 Kovacic; 9 Icardi

A disposizione: 30 Carrizo, 46 Berni, 6 Andreolli, 7 Osvaldo, 14 Campagnaro, 17 Kuzmanovic, 20 Obi, 33 D’Ambrosio, 44 Krhin, 55 Nagatomo, 97 Bonazzoli Allenatore: Walter Mazzarri

TORINO: 30 Padelli, 5 Bovo, 7 El Kaddouri, 9 Larrondo, 14 Gazzi, 19 Maksimovic, 23 Nocerino, 24 Moretti, 25 Glik, 27 Quagliarella, 36 Darmian

A disposizione: 1 Gillet, 3 Molinaro, 17 Martinez, 18 Jansson, 21 Silva, 28 Sanchez Mino, 9 Vesovic, 32 Masiello, 94 Benassi Allenatore: Giampiero Ventura

Arbitro: Doveri Assistenti: Giallatini, Dobosz Assistenti Addizionali: Giacomelli, Fabbro IV uomo: Tasso

Precedente Inter, c'è l'offerta per Guarin Successivo Pagelle Torino - Inter: Handa e Vidic i migliori